Comunicazione Interculturale

Anno accademico 2018-19

Orari Insegnamenti e programmi Elenco dei docenti

Informazioni sul corso di laurea Politiche attive

Elenco degli insegnamenti del primo anno

Elenco degli insegnamenti del secondo anno

Elenco degli insegnamenti del terzo anno

Anno accademico 2017-18

Insegnamenti e programmi

Anno accademico 2016-17

Insegnamenti e programmi

Anni accademici precedenti

Visualizza la pagina del corso di laurea sul vecchio sito di Dipartimento

Presentazione

II Corso di Laurea in Comunicazione Interculturale appartiene alla Classe delle Lauree in Scienze della Comunicazione (L-20) e ha, di norma, una durata di tre anni e comporta l’acquisizione di 180 crediti formativi universitari (CFU) per il conseguimento del titolo. Sono previsti 19 esami che prevedono l’acquisizione di 156 CFU. I restanti crediti saranno acquisiti attraverso altre attività formative quali esercitazioni nelle lingue orientali, prova di lingua, prova di informatica e la prova finale. Indicativamente, gli esami previsti sono 6 al primo anno, 7 al secondo anno, 6 al terzo anno.
Il corso di studio è a programmazione locale (250 posti): la graduatoria viene formulata in base all’esito di un test di ingresso. Sono previsti obblighi formativi aggiuntivi.

La lingua ufficiale del corso è l’italiano. Alcuni insegnamenti del corso potranno essere tenuti in lingua inglese (vedi Regolamento).

Al termine degli studi viene rilasciato il titolo di Laurea in Comunicazione Interculturale. Il titolo consente l’accesso a Master di primo livello, a corsi di Laurea Magistrale della classe LM-1; LM-57; LM-59; LM-92 e di altre classi attivati presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca o presso altri atenei secondo le modalità stabilite nei rispettivi regolamenti.

Il Corso di Laurea intende fornire una solida preparazione culturale e metodologica di base nelle discipline d’area linguistica, filosofico-letteraria, socio-antropologica, psico-pedagogica e organizzativa, nonché in una lingua extra-europea (arabo, cinese, giapponese), che consentirà ai laureati di conseguire una conoscenza trasversale e una capacità di analisi critica dei principali aspetti della comunicazione, della complessità dei processi comunicativi e della diversità dei modelli comunicativi in prospettiva interculturale. Il percorso formativo è volto a fornire innanzitutto gli strumenti teorico-epistemologici necessari per saper analizzare e comprendere i diversi contesti e processi comunicativi e saper elaborare le opportune strategie di intervento. Tali strumenti sono integrati dalla formazione linguistico-culturale in una lingua orientale, considerata requisito cruciale per lo sviluppo della competenza interculturale nella dimensione cognitivo-esperienziale.

Obiettivo del Corso di Laurea è creare figure professionali in grado di operare in tutti i settori e le realtà economiche e istituzionali in cui gli sviluppi e le necessità della comunicazione incrociano la dimensione interculturale: cioè esperti capaci di promuovere, incrementare, ottimizzare le relazioni con interlocutori legati al Vicino e all’Estremo Oriente, in Italia e fuori d’Italia, nel contesto di imprese, servizi, enti pubblici e privati, organismi internazionali, istituzioni scolastiche, formative, assistenziali e del terzo settore. Gli ambiti interessati sono numerosi, dalla negoziazione aziendale all’informazione, dalla comunicazione commerciale alle dinamiche della migrazione, dal turismo all’editoria, tutti contesti dove il processo di creazione di fisionomie professionali sempre nuove è da anni un fenomeno imponente.

I punti caratterizzanti del Corso di Laurea sono da un lato l’acquisizione di uno spettro ampio di competenze sulla natura e il funzionamento della comunicazione, che garantisce duttilità, capacità di adattamento, consapevolezza critica, e dall’altro una preparazione specifica in lingue importanti per lo sviluppo economico, sociale contemporaneo.

In passato (XIX indagine AlmaLaurea) i laureati del corso hanno riportato un tasso di occupazione a un anno dal conseguimento del titolo pari a 53,4% (a fronte di una media nazionale di 42,6%). In passato il 47,1% degli immatricolati 2013/2014 si è laureato in corso o non più di un anno fuori corso (dati dell’Ateneo) a fronte del 48,3% di laureati in corso o non più di un anno fuori corso nello stesso tipo di studi a livello nazionale (dati Anagrafe Nazionale Studenti).

Estratto dal regolamento didattico del Corso di Laurea

Presidente del Corso di Laurea

prof.ssa Silvia Pozzi

Informazioni generali

Ordinamento: D.M. 270 /04
Codice: E2001R
Durata corso: 3 anni
Anni Attivi: 1°, 2° e 3° anno
Lingua: Italiano